chirho1
HAI BISOGNO DI ASSISTENZA?  CONTATTACI
chirhoart
RICERCA PRODOTTI

CHI RHO

Sant'Antonio Abate

17/01/2022 09:00

author

News,

Sant'Antonio Abate

Antonio abate nacque a Coma (Egitto) intorno al 251 e morì nel deserto della Tebaide il 17 gennaio 356 all'età di 105 anni. E' stato un abate ed eremi

Antonio abate nacque a Coma (Egitto) intorno al 251 e morì nel deserto della Tebaide il 17 gennaio 356 all'età di 105 anni. E' stato un abate ed eremita egiziano, considerato il fondatore del monachesimo cristiano e il primo degli abati. La sua vita è stata tramandata dal suo discepolo Atanasio di Alessandria. Era figlio di agiati agricoltori cristiani e durante l'adolescenza rimase orfano; nonostante avesse una sorella minore a cui badare, seguì il richiamo evangelico che imponeva di regalare tutti i propri possedimenti ai poveri. Così, distribuiti i beni ai poveri, seguì la vita solitaria che già altri eremiti facevano nei deserti attorno alla sua città, vivendo in preghiera, povertà e castità. Alla ricerca di uno stile di vita penitente e senza distrazione, chiese a Dio di essere illuminato. Si racconta che ebbe una visione in cui un eremita come lui, seduto, lavorava intrecciando una corda, poi smetteva, si alzava e pregava; subito dopo, riprendeva a lavorare e di nuovo a pregare. Era un angelo di Dio che gli indicava la strada del lavoro e della preghiera che, due secoli dopo, avrebbe costituito la base della regola benedettina «Ora et labora» e del Monachesimo Occidentale.
Nell’iconografia tradizionale, sant’Antonio abate è circondato da donne procaci, simbolo delle tentazioni, oppure da animali domestici come il maiale, di cui è il protettore. Accanto a questa immagine compare quella del fuoco, tipicamente rappresentativo del santo. Una leggenda popolare vede e vuole sant’Antonio abate come un Prometeo sui generis, un vero campione cattolico.
La leggenda narra che il santo scese nelle profondità dell'inferno per liberare i peccatori dal fuoco ed è in suo onore, quindi, che tutta Italia ricorda e lo festeggia accendendo un grande falò, come quello di Novoli (Le), o indicando il 17 Gennaio come la data di inizio ufficiale del Carnevale, come in Sardegna. Nel giorno della sua memoria liturgica, si benedicono le stalle e si portano a benedire gli animali domestici. In alcuni paesi di origine celtica, sant’Antonio assunse le funzioni della divinità della rinascita e della luce, Lug, il garante di nuova vita, a cui erano consacrati cinghiali e maiali. Perciò, in varie opere d’arte, ai suoi piedi c’è un cinghiale.
Patrono di tutti gli addetti alla lavorazione del maiale, vivo o macellato, è anche il patrono di quanti lavorano con il fuoco, come i pompieri, perché guariva da quel fuoco metaforico che era l’herpes zoster.

Seguici sui Social


facebook
instagram
whatsapp

 ​Vuoi acquistare o hai acquistato un prodotto personalizzabile?

Clicca qui e invia subito le tue specifiche

24
23
25
27
27
26

RESI E RIMBORSI

SEMPLICI E VELOCI

RESI E RIMBORSI

SEMPLICI E VELOCI

SPEDIZIONI RAPIDE

IN 24H

ASSISTENZA

CLIENTI

PAGAMENTI SICURI

CON CARTA O BONIFICO

ARTICOLI PERSONALIZZABILI

Copyright ©2021. Tutti i diritti sono riservati. P.IVA03524670720 

Carte di credito | PayPal | Stripe | Bonifico bancario | Contrassegno

Sito Web by Pronto Studios

Come creare un sito web con Flazio
Privacy Policy